Il progetto

Senza titolo-1

L’Associazione Street Kali nasce nel 2014. L’intento è quello di contrastare la discriminazione e la violenza di genere.

Osservando come in questa epoca storica fatti di cronaca sempre più drammatici, vedessero come vittime le donne, si è pensato che bisognasse fare qualcosa di concreto che arrivasse sia a scuotere l’opinione pubblica che fornire supporto a tutte le donne che necessitino di sentirsi più sicure.

Da subito ci si è chiesti cosa si potesse fare di più o di diverso rispetto a quello che già fanno realtà simili alla nostra. Abbiamo scelto dunque di sondare nuove vie di comunicazione che si avvalessero di diversi mezzi espressivi tra cui la fotografia, la filmografia, arti figurative, performance artistiche ma anche di realizzare iniziative sportive legate alla difesa personale. Per farlo mettiamo a disposizione tutte le nostre competenze nei settori della comunicazione, delle arti figurative, dell’organizzazione di eventi e delle discipline marziali, per convogliarle in un unico grande progetto.

Nasce così: Beauty_Full – La bellezza per sensibilizzare contro la violenza sulle donne.

Si tratta di un articolato lavoro che prevede più azioni volte a contrastare ogni tipo di violenza contro le donne.

Una mostra d’arte e un corso gratuito per le donne sono le attività principali del progetto ma ad arricchirlo vi sono anche dibattiti, convegni, incontri con le scuole, e tutto quanto faccia sì che questo dramma odierno inizi ad essere sempre meno una piaga sociale fino ad arrivare, si spera, ad un futuro in cui organizzazioni come l’Associazione Street Kali non abbia più motivo di esistere.

Collaboriamo in sinergia con enti, comuni ed associazioni al fine di accrescere e rendere più efficace il nostro operato.

Con la nostra associazione lavoriamo sull’intero territorio campano ma è nostro intento riuscire a diventare punto di riferimento nazionale per contrastare ogni forma di violenza.

Dalla sua nascita Beauty_Full è stata presente sul territorio con tre importanti tappe – dal 2014 al 2015 – nei seguenti siti:

Salerno, Complesso monumentale di Santa Sofia;

Sava di Baronissi (Salerno), Villa Romana;

Pontecagnango Faiano (Salerno), Musero Archeologico Nazionale “Gli Etruschi di Frontiera”.

TARGET

Il target a cui ci rivolgiamo è trasversale. Donne che sentano il bisogno di sentirsi più sicure e che vogliono riappropriarsi della propria vita ma anche donne che tuttora non sono consapevoli di quanto valgano o in che situazioni disagevoli o potenzialmente pericolose vivono.

Uomini che troppo spesso perdono di vista quale sia il rispetto della vita dell’altrui e della donna nello specifico. Istituzioni che forse ancora poco fanno concretamente per tutelare quante sono vittime di violenza. Bambini ed adolescenti perché è fondamentale inculcare l’importanza del rispetto del prossimo in giovani menti ancora malleabili. L’auspicio di questa Associazione è che si possa arrivare ad un giorno, si spera non molto lontano, in cui organizzazioni come la nostra, Spaziodonna e altre operanti in questo settore, non abbiano più motivo di esistere perché questa piaga sociale sarà finalmente debellata.

Il progetto si è avvalso del contributo dell’associazione Spaziodonna – Linearosa, dell’Osservatorio Comunicazione Partecipazione Culture Giovanili (OCPG), dell’Osservatorio per la diffusione degli studi di genere e la cultura delle pari opportunità (OGEPO), di Trame Africane Onlus, dell’ASI, del CONI e si arricchirà dell’adesione di altre realtà interessate all’attuazione del programma.

3